Ti trovi qua: Home » Il cambiamento climatico porta le donne alla prostituzione?

Il cambiamento climatico porta le donne alla prostituzione?

by Anton Bryan
Il cambiamento climatico porta le donne alla prostituzione

Il rappresentante della California al Congresso americano, Barbara Lee spiega come il cambiamento climatico possa portare molte più donne alla prostituzione.

Il cambiamento climatico sta causando la fusione dei ghiacciai, le ondate di calore diventano più intense, le specie si estinguono e le nazioni insulari come Tuvalu scompaiono del tutto.

Leggi anche: Fare troppi figli contribuisce ai cambiamenti climatici.

A questa lista di calamità, il rappresentante della California al Congresso Degli Stati Uniti, Barbara Lee, ne ha aggiunto un altro:

I cambiamenti climatici potrebbero costringere più donne a diventare prostitute!

Quest’avvertimento è contenuto in una risoluzione che il democratico della California ha presentato al Congresso venerdì.

In House Concurrent Resolution, Lee e 11 co-sponsor sottolineano che l’innalzamento della temperatura globale potrebbe spingere fino a 3 miliardi di persone in povertà entro il 2050.

Leggi anche: Più popolazione mondiale, più cambiamenti climatici.

Alcune di queste persone potrebbero essere donne che cercano un modo possibile per badare a se stesse e ai loro figli.

“Le donne insicure se possono trovare alimenti e con risorse socioeconomiche limitate, possono essere vulnerabili a situazioni come il lavoro sessuale, il sesso transazionale e il matrimonio precoce.”.

“Che le mettono a rischio l’HIV, alle infezioni sessualmente trasmissibili, alle gravidanze non pianificate e alla cattiva salute riproduttiva”, secondo la risoluzione.

Lo scopo del documento è richiamare l’attenzione sui modi in cui le donne sono vulnerabili ai cambiamenti climatici.

Nei paesi poveri e in via di sviluppo, diventerà più difficile per le donne coltivare e raccogliere cibo e trovare acqua per le loro famiglie.

I disastri naturali alimentati dal cambiamento climatico costringeranno molte donne e bambini a diventare rifugiati.

La malaria e altre epidemie incombono.

Ma prevedibilmente, la copertura online della relazione si è concentrata sul sesso.

“È una sfortuna che questa risoluzione sia stata travisata riguardo ai suoi obiettivi”, ha detto Lee alla Los Angeles Times via e-mail.

Leggi anche: Un mondo d’immigranti!

“Tragicamente, mentre le donne di tutto il mondo sono spinte ai margini della società, diventano più vulnerabili. E abbiamo visto di volta in volta che le donne al limite sono costrette a fare scelte strazianti!”.

Lee, che rappresenta Berkeley, Oakland e altre parti dell’East Bay, ha inizialmente introdotto questa risoluzione nel 2009.

L’ha presentato di nuovo la scorsa settimana in riconoscimento alla Settimana della Terra (una versione estesa della Giornata della Terra).

La risoluzione è stata presentata al Comitato della Camera per l’energia e il commercio con 11 co-sponsor democratici.

Non si sa ancora se il comitato lo prenderà in considerazione, ha detto Lee.

Ma la relazione presentata da Lee al Congresso americano accende i fari su un altro effetto collaterale dei cambiamenti climatici, poco preso in considerazione in tutto il mondo.

0 comment
0

Related Articles